Vai al contenuto principale

Il Centro Servizi Bibliotecari (CSB) mette a disposizione degli utenti un servizio di riproduzione e stampa, con fotocopiatrici/stampanti installate presso quasi tutte le biblioteche di Ateneo, con le quali è possibile effettuare, in modalità self-service e a pagamento, fotocopie e stampe da file. Al momento non è possibile effettuare scansioni.
Le macchine sono utilizzabili con tessere ricaricabili con importi a scalare, che possono essere acquistate e ricaricate dai distributori posizionati nelle biblioteche.  Macchine e distributori sono forniti da una ditta esterna, responsabile anche della manutenzione.
Presso ciascuna biblioteca sono rese pubbliche le modalità di fruizione, i costi ed ulteriori particolarità del servizio, in base alla tipologia delle macchine presenti.

Fotocopiatrici/stampanti e distributori

Biblioteca Fotocopiatrici Tipologia di stampa/Formato Distributore/i
Agraria 2 1 solo b/n,  1 b/n e a colori –  A4 e A3 – no scanner – 1 con USB 1
Veterinaria 3 1 solo b/n,  2 b/n e a colori – A4 e A3 – no scanner – 1 con USB 1
Ingegneria 12 6 solo b/n, e 6 b/n e a colori - 6 A4 e A3, 6 solo A4 – no scanner – 6 con USB 2
Scienze Chimiche 2 solo b/n - solo A4 – no scanner – no USB 1
Scienze Matematiche - - -
Umanistica 3 solo b/n – solo A4 – no scanner- no USB 1
Antropologia 1 solo b/n - solo A4 – no scanner – no USB 1
Filosofia 1 solo b/n - solo A4 – no scanner – no USB -
Giuridica 5 3 solo b/n, 2 b/n e a colori - solo A4 – no scanner – 2 con USB 1
Studi Storici 1 solo b/n - solo A4 – no scanner – no USB 1
Scienze Economiche 3 2 solo b/n e 1 b/n e a colori - solo A4 - no scanner – 1 con USB 1
Biomedica 3 solo b/n - solo A4 - no scanner - 1 con USB 1

Tessera

La tessera magnetica per utilizzare le fotocopiatrici, priva di credito, è acquistabile dagli appositi distributori inserendo esclusivamente una moneta da 50 centesimi. Successivamente può essere ricaricata dell’importo desiderato, il distributore solitamente accetta banconote di tutti i tagli e monete da 50 centesimi, 1 e 2 euro, non dà resto.

Costi

Tipologia Costo
Fotocopia / stampa A4 bianco e nero Euro 0,04
Fotocopia / stampa A4 a colori Euro 0,40
Fotocopia / stampa A3 bianco e nero Euro 0,08
Fotocopia / stampa A3 a colori Euro 0,80

Stampe

Le stampe possono essere inviate alle macchine fotocopiatrici/stampanti self-service solo dai PC desktop disponibili nelle biblioteche, non da propri dispositivi.
Le macchine possono stampare anche file da pendrive connessa direttamente tramite porte USB di cui sono dotate.

Cosa si può fotocopiare e stampare

Il materiale conservato nelle biblioteche può essere in genere riprodotto in fotocopia secondo la normativa vigente, ovvero solo per uso personale (non per fini di lucro) e riguardare un numero di pagine non superiore al 15% di un libro o di un fascicolo di rivista (cfr. normativa di riferimento).
Per quanto riguarda il materiale sottoscritto in formato elettronico e disponibile online gli estratti dei contenuti sottoscritti (articoli, parti di libri, immagini, tabelle, insiemi di dati) possono essere scaricati e stampati in “porzioni ragionevoli”, ferma restando la normativa di riferimento.
Per ulteriori e specifiche indicazioni si rinvia ai Termini d’utilizzo pubblicati in ciascuna scheda descrittiva delle risorse presenti nella pagina Risorse elettroniche di questo Portale o al documento sugli “Usi autorizzati UniPG”, se presente.

Cosa non si può fotocopiare

Sono esclusi dal servizio di riproduzione con le macchine fotocopiatrici i volumi antichi, rari, di pregio, i manoscritti, i grandi formati, piante o tavole ripiegate ed eccedenti il formato del volume in cui sono contenute, in generale il materiale in cattivo stato di conservazione.
Queste tipologie di materiali si possono eventualmente riprodurre con mezzi propri, sentiti i bibliotecari competenti della biblioteca che custodisce il documento, per individuare soluzioni idonee alla particolare tipologia di materiali, o in alternativa (servizio in fase di organizzazione) richiedere la riproduzione con scanner planetario in dotazione al Fondo antico e al Servizio Fondi storici.

Cosa vuol dire "con mezzi propri"

In attuazione della L. 124/2017, nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore e di quanto previsto dall’art. 108 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, testo vigente, dal 29 agosto 2017 è possibile effettuare riproduzioni di beni bibliografici con mezzi propri, per le sole attività di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale svolte senza scopo di lucro.
Sono esclusi dalla libera riproduzione i beni archivistici sottoposti a restrizioni di consultabilità, in ragione del loro contenuto sensibile, ai sensi del Capo III del Titolo II del D.Lgs. 42/2004 (artt. 122-127).
 Per mezzi propri si intendono dispositivi (smartphone, tablet o macchine fotografiche) il cui uso non comporti alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né, all’interno degli istituti della cultura, l’uso di stativi o treppiedi.
 È altresì libera la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo però da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro.

Norme di tutela per la riproduzione del materiale con mezzi propri

È consentito:

l’uso di apparecchi fotografici, smartphone, tablet.

Non è consentito:

l’uso di scanner portatili o a penna, flash o altre fonti luminose portatili, treppiedi, stativi e altri ausili.

Raccomandazioni generali:

- effettuare la riproduzione tenendo il proprio dispositivo con entrambe le mani, così da evitare il rischio di caduta dello stesso sul materiale, non usare una delle mani per tenere fermo il volume;
- non spostare gli oggetti da riprodurre in altre zone della Biblioteca allo scopo di ottenere migliori condizioni di luce;
- impostare i dispositivi in modalità silenziosa per non disturbare gli altri utenti.

Raccomandazioni d'uso del materiale:

Manipolare con attenzione libri e documenti da riprodurre avendo cura di non mettere a rischio il materiale per ottenere immagini di migliore qualità:
- non spianare le carte con le mani;
- non forzare l’apertura dei volumi;
- mantenere rigorosamente l’ordine nel materiale sciolto;
- non piegare le pagine;
- fare attenzione a carte o tavole piegate ed eccedenti la superficie del volume, non rimuovere carte o tavole dagli eventuali passepartout;
- in nessun caso tenere sospesi i volumi o i documenti (es. per riprodurre le filigrane);
- non salire sulle sedie né appoggiare il materiale per terra.

Materiale antico, raro e di pregio:

effettuare la riproduzione nelle apposite postazioni dedicate alla consultazione di questo materiale,

Limiti di scatti:

non ci sono limiti di scatti per i testi di pubblico dominio, altrimenti deve essere rispettata la percentuale prevista dalla normativa sul diritto d’autore

Scanner planetario

E' in allestimento (con modalità che verranno a breve meglio definite e pubblicizzate), un servizio di riproduzione in formato digitale e ad alta risoluzione con uno scanner planetario (mod. 12S Digibook  A0 – AM Image), in dotazione al Fondo Antico e al Servizio Fondi storici attivo presso Palazzo Murena.

Normativa di riferimento

Diritto d'autore

La fotoriproduzione è consentita nel rispetto delle norme vigenti in materia di tutela del diritto d'autore, Legge 22 aprile 1941 n. 633 (in particolare l’art. 68) e successive modificazioni.
Fermo restando il divieto di riproduzione di spartiti e partiture musicali, la copia del materiale bibliografico e documentale può essere eseguita solo per uso personale (non per fini di lucro) e riguardare non più del 15% di un libro o di un fascicolo di rivista, escluse le pagine di pubblicità.
L'utente si assume ogni responsabilità per l'uso che verrà fatto delle riproduzioni, essendo severamente vietata qualsiasi successiva riproduzione o pubblicazione per uso commerciale.

Codice dei beni culturali e del paesaggio
In attuazione della L. 124/2017, nel rispetto della normativa vigente sul diritto d’autore e di quanto previsto dall’art. 108 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, testo vigente, è possibile effettuare con mezzi propri riproduzioni di beni bibliografici (libri e documenti di archivio, questi ultimi esclusi quelli sottoposti a restrizioni di consultabilità) per le sole attività di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale svolte senza scopo di lucro.
La libera riproduzione con mezzi propri è ammessa solo con modalità (smartphone, macchina fotografica, tablet) che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi.
È altresì libera la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro (immagini a bassa risoluzione).

 

 

Vai a inizio pagina
Sommario